Famiglia francese fa razzia di conchiglie dalla spiaggia di Campulongu ma viene bloccata dalle guardie ambientali

Hanno riempito un sacchetto di carta di conchiglie e sassolini dopo averli scelto con la massima cura. Piccolo particolare: è vietato. Una famiglia francese è stata bloccata all’ultimo dalle guardie ambientali nella spiaggia di Campulongu, a Villasimius. I signori sono stati bloccati nei parcheggi: qualche secondo in più e sarebbero andati via a bordo della propria automobile. Dopo aver spiegato loro che non si possono portare via sassi e conchiglie dalla spiaggia, le guardie sono riuscite a convincere la famiglia di turisti a svuotare il sacchetto in spiaggia. Si tratta dell’ultimo caso di tentato furto di conchiglie dalle spiagge isolane, in un’estate 2019 nella quale sono fioccate anche denunce e multe. E i vigilantes “green” mettono in guardia: “Se vedete una o più persone che in spiaggia che scelgono e osservano pietre e conchiglie, non vuol dire che siano dei ‘ladri’ o predatori da denunciare. Invece, se li notate mettere la sabbia in bottiglia o le pietre in borsa”, è possibile “trovarsi di fronte a persone che vogliono portare via quello che hanno scelto. In tutti e due i casi è consigliabile avvicinare le persone e informarle sui divieti e, in caso facciano storie, a quel punto è bene avvisare le autorità preposte quali Corpo Forestale regionale, Guardia Costiera oppure polizia Municipale”.

 

“Anche nel mese di settembre non bisogna abbassare la guardia. Molti credono che a fine stagione i controlli siano minori o addirittura assenti. Chi pensa questo si sbaglia.”

L’articolo Famiglia francese fa razzia di conchiglie dalla spiaggia di Campulongu ma viene bloccata dalle guardie ambientali proviene da Casteddu On line.